I Luoghi del Fare

Nel panorama delle regioni italiane la Toscana è molto probabilmente quella che gode della maggiore
riconoscibilità quale luogo caratterizzato da un ambiente a misura d’uomo in cui paesaggio,
cultura, storia e prodotti si fondono insieme senza fratture tra passato e presente. Un’immagine
suggestiva che coglie appieno uno degli aspetti fondamentali della Toscana: quel filo che lega e collega
storia, cultura, tradizione e saper fare; quel filo che possiamo sintetizzare nell’idea di stile di
vita toscano.
L’idea di una guida dedicata all’artigianato toscano visto nel suo rapporto esclusivo col territorio
si inserisce all’interno di un programma di più ampia portata della Regione Toscana volto a
sottolineare – facendolo proprio – un nuovo concetto di promozione che non si limita a presentare
una singola produzione o un singolo settore, ma un intero contesto culturale, uno stile di vita,
visto nel suo sedimentarsi attraverso i secoli. L’intento è quello di operare per mettere in rete le molteplici
risorse presenti sul territorio accrescendo così la qualità complessiva dell’offerta turistica e
comunicando un’immagine della Toscana a tutto tondo, in grado di abbracciare i multiformi
aspetti della nostra cultura e della nostra tradizione: l’arte, il turismo, la gastronomia diventano
così mezzo per promuovere settori come l’artigianato artistico che, pur essendo parte integrante della
nostra economia, sono assai meno noti al grande pubblico. Così come parlare di artigianato artistico
toscano diventa un vettore di specificità territoriali e uno spunto per illustrare tradizioni artigianali
e culinarie, prodotti tipici, musei del territorio e manifestazioni presenti tutto l’anno. Il successo
e l’attenzione con cui molte di queste iniziative sono state accolte conferma come le politiche
promozionali della Regione Toscana debbano essere sempre più orientate a eventi intersettoriali in
grado di interconnettere l’artigianato, l’arte, l’ambiente e il settore agroalimentare come un patrimonio
unico.
Date queste premesse, ecco il perché di una guida all’artigianato toscano, in cui si punta innanzitutto
sulle specificità territoriali così come sull’intersettorialità del sistema economico e culturale
della Toscana di cui l’artigianato è sintesi ed emblema: l’obiettivo è quello di radicare sul nostro territorio
gli oggetti e i sapori della quotidianità, ossia la nostra cultura materiale espressione di una
precisa identità territoriale fatta di storia, arte, paesaggi e saper fare. Un binomio indissolubile,
dunque, quello tra artigianato e territorio, in grado di unire, con una nuova circolarità, il saper
fare con l’essenza stessa della Toscana, da sempre abituata a coniugare tradizione e innovazione.
Nel presentare il volume al pubblico, ci auguriamo che esso possa essere uno strumento utile e
funzionale per coloro che vogliono conoscere questa terra e soprattutto cercano una Toscana più
vera, il cui accattivante presente è frutto di un passato secolare.

 

 

Ambrogio Brenna, Assessore all'attività produttive Regione Toscana

 

Susanna Cenni, Assessore al commercio e al turismo Regione Toscana